martedì 20 agosto 2019

Storia della vestizione. Una collezione viva

Il guardaroba di Manneken-Pis si compone di costumi pensati per essere indossati sulla fontana all'aria aperta. Si tratta quindi di una collezione da museo assolutamente atipica. I vestiti sono esposti alle intemperie, agli schizzi, a volte anche ad atti di vandalismo, tutti elementi critici da tenere in conto per una conservazione a lungo termine dei manufatti. Dopo l'esposizione alla fontana, il vestito viene lasciato ad asciugare completamente per evitare muffe e, se necessario, leggermente lavato e consolidato prima di essere riposto.

Per la migliore conservazione possibile nei magazzini del museo, le parti che compongono ciascun vestito sono separate per evitare che si strappino o si incollino tra di loro e che gli accessori si schiaccino. Nonostante tutte le cure, però, alcuni vestiti si deteriorano comunque e per questo vengono affidati a professionisti del restauro su stoffa.

La varietà dei materiali utilizzati (cuoio, metalli, Legno, plastica eccetera ) richiede spesso interventi pluridisciplinari, anche se molto di rado, un costume può essere sostituito dalla copia quando il suo stato di conservazione non permetta più l'esposizione all'aperto. In questo caso il costume rviene preziosamente conservato nei magazzini del museo.

Nessun commento:

Posta un commento